Seconda domenica dopo Pasqua

Seconda domenica dopo Pasqua

Seconda domenica dopo Pasqua – domenica “delle mirofore”

clicca qui per vedere il video degli auguri pasquali del coro

La seconda domenica dopo Pasqua nel calendario liturgico bizantino vengono ricordate le mirofore, cioè le “portatrici di unguento” (in slavo mironosicy), che all’alba di Pasqua si recarono al sepolcro di Gesù per completare le cure funebri con unguenti aromatici.

La tradizione liturgica ricorda anche altri due personaggi ricorda anche “giusto Giuseppe” (Giuseppe di Arimatea, che offrì il sepolcro per la sepoltura di Gesù) e Nicodemo (che nel sinedrio aveva cercato di salvare Gesù e che ne divenne poi); entrambi dopo la morte e risurrezione di Gesù, ne divennero discepoli. 

 

Queste donne furono di fatto le prime testimoni della risurrezione. Gli evangelisti nominano di esse Maria Maddalena e l’altra Maria, la madre di Giacomo; san Luca aggiunge Giovanna e altre non nominate.

A queste persone, a queste donne, Cristo non aveva svelato, come aveva fatto con i dodici apostoli che si era scelto, i misteri del futuro; esse non conoscevano né il senso della morte, né i misteri della futura vittoria, della futura risurrezione. Rimasero ai piedi della croce e non abbandonarono il suo corpo… e questo, solo perché amavano Gesù. Ed è stato  proprio questo amore a venire a sapere per primo della vittoria; a questo amore, a questa fedeltà, per primi viene concesso di sapere che la morte è inghiottita dalla vittoria.

E’ questo il senso dell’episodio delle mirofore al sepolcro: questo amore e questa fedeltà sono e saranno sempre la luce che risplende nell’oscurità senza fondo.

(tratto da A.Schmemann, “I passi della fede” – ed. La casa di Matriona – per acquistare il libro clicca qui)

Nella celebrazione della Divina Liturgia del tempo ordinario  i tropari domenicali (che compongono il ciclo degli 8 toni) pongono sempre all’attenzione dei fedeli il tema della Risurrezione; ecco quindi che anche la memoria dell’amore fedele delle mirofore ci viene richiamato in particolare in uno di questi inni, il tropario domenicale del IV tono.

Ricevendo il lieto annuncio della risurrezione dall’angelo, le discepole del Signore ripudiarono la condanna dei progenitori ed esultando dicevano agli apostoli: “la morte è stata spogliata e Cristo Dio è risorto, donando la mondo la Sua grande misericordia”

Mirofore

Ordinando alle “mirofore” di rallegrarsi hai fatto cessare le lacrime della nostra progenitrice Eva con la Tua resurrezione, o Cristo Dio; hai ordinato ai Tuoi  Apostoli di proclamare: “il Salvatore è risorto dalla tomba!”.

(dalla Divina Liturgia della seconda domenica dopo Pasqua – Kondak “delle nirofore”)

LA NUOVA EUROPA

Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
Vai al sitoVai al negozio
Seconda domenica dopo Pasqua

Teofania

da un’omelia di p.Romano Scalfi

Le celebrazioni della notte di Natale della tradizione orientale si presentano ricchissime di inni e cantici dalla profonda sapienza spirituale.

Nella Teofania si contemplano le diverse manifestazioni attraverso le quali Cristo si rivela. Dopo la miseria –umana – della nascita in una stalla nella grotta di Betlemme, Cristo vuole essere riconosciuto da tutti i popoli. Se la prima manifestazione è l’adorazione dei Magi, la seconda è il battesimo di Gesù. E’ questa la manifestazione centrale, perché Dio Padre stesso proclama che Cristo è il suo Figlio prediletto, e lo Spirito Santo, che discende in forma di colomba, testimonia la divinità di Cristo. Il terzo avvenimento, forse un po’ trascurato, sono le nozze di Cana, che costituiscono la prima manifestazione pubblica del Signore.

Perché il Signore si fa battezzare? Il battesimo di Cristo non è solo un segno, perché il Signore entra nelle acque, che le icone rappresentano come il luogo della cattiveria (infatti vi sono raffigurati dei mostri, simbolo del diavolo e del male in genere), entra nelle acque per purificarle. Quindi non si tratta più di un segno: si tratta di un avvenimento reale! Dopo che Cristo è sceso nelle acque, il male è vinto, la cattiveria è superata dall’amore di Cristo.

A dominare non è più la nostra miseria, ma la misericordia di Dio e il suo amore per ciascun uomo e per tutta l’umanità.

Icona del Natale

Icona della Teofania

Il battesimo è il momento in cui noi siamo stati immersi nella misericordia di Dio e siamo rinati come uomini nuovi, cioè uomini trasfigurati in Cristo.

Fascicolo della Divina Liturgia per il coro
riflessioni di Padre Romano Scalfi tratte dal libro “Cristo iin mezzo a noi – omelie e catechesi / 1 – Ed. La casa di Matriona
per acquisrare il libro clicca qui

 

...i passi della fede

…”c’è un significato profondo e gioioso nel Battesimo del nostro Signore….in questo mondo tutto, compresa la materia, le cose nella loro concretezza ridiventano una strada a Dio, il luogo della comunione con Lui, di una crescita in questa vita viva ed eterna.
E’ la venuta di Dio che si fa incontro alla Sua creatura il mistero che celebriamo oggi, nel giorno esultante e radioso della Teofania”.

(da “I passi della fede” di Aleksandr Šmeman – ed. La Casa di Matriona – se ti interessa il libro clicca qui)

 

LA NUOVA EUROPA

Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
Vai al sitoVai al negozio

Prima domenica dopo Pasqua

Prima domenica dopo Pasqua

Ai nostri fratelli delle Chiese Orientali
Hristos Voskrese!

Prima domenica dopo Pasqua – domenica “di San Tommaso”

La prima domenica dopo Pasqua nella Liturgia celebrata  dalla Chiesa orientale viene ricordata la figura di San Tommaso; il Vangelo (GV 20,19,31)riporta l’episodio in cui l’apostolo, di fronte alla testimonianza degli altri, decisamente afferma che potrà credere nella resurrezione di Gesù solo constatandolo vivo in modo personale e diretto. Quando Gesù si mostrerà ancora con le stesse modalità ( “a porte chiuse”, ma nello stesso tempo fisicamente), Tommaso lo proclamerà Signore e Dio. E Gesù confermerà beati  coloro che “pur non avendo visto hanno creduto” 

 

“Perché tu non mi credi risorto dai morti!
Tendi la tua mano, mettila nel mio costato e guarda:
per la tua incredulità infatti tutti hanno conosciuto
la mia passione e la mia risurrezione
per gridare insieme a te: o mio Signore e mio Dio, gloria a te!”

LUCERNARIO DEL VESPRO

 

“Se non vedo, io non credo”, così aveva detto il discepolo Tommaso in risposta ai gioiosi racconti di coloro che avevano visto risorto il loro Maestro. E otto giorni dopo,narra il Vangelo, mentre i discepoli erano di nuovo insieme, Cristo apparve e disse a Tommaso: “Toccami, metti qui il dito,convinciti”. E Tommaso esclamò: “Mio Signore e mio Dio!”. Allora Cristo gli disse: “Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto” (Gv 20,29).

In realtà ci sono milioni di uomini che pensano e parlano come Tommaso, e ritengono che il loro metodo empirico sia l’unico giusto, l’unico degno di uomini pensanti, di uomini moderni. Ma questa è solo una forma di conoscenza, pur utile e necessaria, ma la più elementare e quindi più bassa, e ridurre ad essa tutta la conoscenza umana sarebbe come valutare la bellezza di un quadro attraverso l’analisi chimica dei colori.

Quello che chiamiamo fede è il secondo livello, superiore, della conoscenza umana e senza questa conoscenza, senza fede, l’uomo non potrebbe vivere neppure un giorno. Ogni uomo crede in qualcosa, crede a qualcuno, e il problema è solo quale fede, quale conoscenza del mondo sia più giusta, più completa, più corrispondente alla ricchezza e alla complessità della vita.

Sono passati duemila anni ma alla gioiosa affermazione: ”Cristo è risorto!”, continua ad echeggiare in risposta il grido di esultanza: “In verità è risorto!”.

Possibile che non vi rendiate conto di come al Tommaso, all’incredulo che vive nei recessi della nostra anima, Cristo risponda: “Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto”?

(tratto da A.Schmemann, “I passi della fede” – ed. La casa di Matriona – per acquistare il libro clicca qui)

Tropario della Divina Liturgia
Nonostante i sigilli sul sepolcro Tu, vita, sorgi dalla tomba, o Cristo Dio
nonostante le sbarre alle porte, ti presenti in mezzo ai tuoi discepoli,
mostrandoti risurrezione di tutti
rinnovando in noi uno spirito di giustizia per la Tua grande misericordia

Kontakion
Con la sua mano indiscreta, o Cristo Dio, 
Tommaso
ispeziona il tuo costato vivificante
mentre sei entrato a porte chiuse,
insieme agli apostoli egli esclama
“Tu sei il mio Signore e mio Dio”

 

 

LA NUOVA EUROPA

Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
Vai al sitoVai al negozio
Seconda domenica dopo Pasqua

Mons. Enrico Galbiati: La “deificazione” nei Padri orientali

Theosis ossia “deificazione”, il diventare come Dio

Enrico Galbiati
La deificazione, “theosis”, nei padri Orientali

L’uomo, creato da Dio per essere il Suo interlocutore, capace di rispondere all’invito divino, non è Stato lasciato nel novero e nella condizione degli altri esseri creati ai quali si trova apparentato per tanti aspetti della sua natura, ma è stato chiamato a Sorpassare se stesso per essere partecipe, in una certa misura, dei beni stessi di Dio. Questo concetto, che risulta da tutta la rivelazione cristiana, fu espresso dai Padri greci con una parola riassuntiva, dalle risonanze apparentemente paradossali: théosis, cioè « deificazione », il diventare Dio, il che è più che « divinizzazione », che potrebbe significare il diventare divino », cioè in qualche modo appartenente alla sfera delle cose consacrate alla divinità. Appunto per la sua apparenza paradossale, che sembra confondere l’umano con il divino, questo ter. mine suona estraneo alla catechesi della cristianità occidentale, benché coloro che hanno studiato la teologia si ricordino bene di essersene serviti come di argomento ex traditione per dimostrare, contro l’antico protestantesimo, che la grazia non è solo imputazione estrinseca, ma trasforma realmente l’uomo nel suo interno.

Invece nella tradizione teologica dell’Oriente il termine di deificazione e i concetti che vi si collegano danno unità e coerenza alla dottrina della redenzione e della grazia e specialmente danno un’ impronta caratteristica alla vita spirituale e all’ascetismo del monachesimo orientale.

È quanto mi propongo d’illustrare brevemente, mostrando: l. il fondamento biblico del concetto di deificazione; 2. il suo rapporto con la dottrina sull’immagine e la somiglianza di Dio nell’uomo; 3, la sua formulazione in rapporto al dogma dell’incarnazione; 4. il suo uso nel descrivere gli elementi dei sacramenti; 5. la sua connessione con la dottrina e la pratica della contemplazione mistica….

(tratto dalla Rivista Russia Cristiana 6/1978; per leggere tutto clicca quiarticolo disponibile previo abbinamento alla rivista)

LA NUOVA EUROPA

Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
Vai al sitoVai al negozio