• Quinta domenica di quaresima

    Quinta domenica di quaresima

    Quinta domenica di quaresima – Santa Maria egiziaca

    L’episodio della resurrezione di Lazzaro, che la Chiesa latina riporta in questa V domenica, nella tradizione liturgica bizantina viene ripreso nel “sabato di Lazzaro” subito antecedente la VI domenica di quaresima, la domenica delle palme. 

    Santa Maria d’Egitto viene ricordata con particolare venerazione nella Chiesa d’oriente, ma è oggetto di devozione anche in occidente. Nata ad Alessandria d’Egitto attorno al 344, condusse una vita all’insegna del vizio fino a quando, volendo unirsi ai pellegrini con cui si era incamminata verso la venerazione della Santa Croce di Gerusalemme, si vide respinta all’entrata della Basilica da una voce misteriosa e potente. Da quel momento, dopo aver supplicato la Madre di Dio perchè le concedesse di prostrarsi davanti alla Santa croce e ottenuta  tale grazia,  iniziò un cammino di penitenza e di progressiva purificazione. Per 47 anni condusse vita solitaria peregrinando nel deserto, senza nient’altro che una intima unione col Signore. Mori nel deserto e si racconta che la sua fossa fu scavata da un leone ammansito dal monaco Zosimo.
    Il ricordo di Santa Maria d’Egitto e della sua vita ci richiamano  al fatto che il digiuno e la penitenza non hanno valore in sè stessi ma solo come cammino nella sequela di Gesù.

    Il Vangelo della quinta settimana tratto da Marco 10,32-45 ci riporta all’episodio in cui Gesù, per la terza volta, predice la Sua passione, morte e resurrezione. Da ora in avanti seguiamo i discepoli che camminano dietro a Gesù. Se lungo la prima parte della Quaresima il nostro sforzo era indirizzato alla nostra purificazione, ci viene ora fatto capire che tale purificazione non era un fine in se stessa, ma che doveva portarci alla contemplazione, alla comprensione e alla appropriazione del mistero che, forse, ci eravamo abituati a dare per scontato, o che, semplicemente, avevamo dimenticato. E’ come se lo seguissimo salendo a Gerusalemme insieme ai suoi discepoli: siamo “stupefatti e pieni di timore”.

    (tratto da A.Schmemann, “La Grande Quaresima”)

    In te, o madre,
    si è perfettamente conservata l’immagine divina;
    prendendo la tua croce hai seguito Cristo;
    con la tua vita c’insegni
    a disprezzare la carne,
    che passa e scompare,
    per occuparci dell’anima
    che vive in eterno.
    Per questo, Maria,
    il tuo spirito esulta nel cielo
    insieme agli angeli.

    (tropario della Domenica)

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    Quinta domenica di quaresima

    Quarta domenica di quaresima

    La quarta domenica di quaresima – San Giovanni Climaco

    Icona di San Giovanni Climaco
    con San Giorgio (a sinistra)
    e San Biagio di Sebaste
    Scuola di Novgorod – sec. XIII

    “…il Vangelo di oggi (MC 9, 16-30) riporta l’episodio degli apostoli, che Gesù incontra arrivando dal monte della Trasfigurazione, che avevano tentato inutilmente di scacciare un demonio da un ragazzo; tutto questo brano richiama il tema della fede…da quella degli apostoli che pensavano di poter operare miracoli solo in virtù di particolari poteri conferiti loro da Gesù, al padre del ragazzo che implora ma dubita e che di fronte al richiamo di Gesù mendica da Lui la vera fede. Nasce da questo un richiamo a tutti noi a non confidare nelle nostre forze, nemmeno nella nostra pratica quaresimale ma di ricorrere sempre umilmente al Padre con il digiuno e la preghiera.
    In questa domenica la chiesa d’Oriente fa memoria di San Giovanni Climaco, cioè Giovanni della Scala (climax in greco significa scala), autore di un’opera ascetica intitolata “la Scala del Paradiso” . San Giovanni, nato a Gerusalemme, fu monaco nel monastero del Monte Sinai nel sec.VII. Con le sue virtù e le sue lacrime ha fatto fiorire il deserto, cioè ha fatto fiorire la santità nel deserto abitato dai monaci. Preghiamolo perchè la sua intercessione ci aiuti in questa Quaresima a prepararci alla santa Pasqua”
    (E.Galbiati “La parola predicata – ed. Jaka Book”)

    Il deserto fu la tua città; nella carne sei stato un angelo.
    Voi tuoi prodigi, Padre Giovanni, ti sei mostrato portatore di Dio.
    Con il digiuno, le veglie e la preghiera, hai meritato i carismi del cielo,
    per guarire tutti gli ammalati e quanti nella fede ricorrono a Te.
    Gloria a Chi ti ha reso così potente, Gloria a Chi ti ha incoronato, 
    Gloria a Chi, per le Tue preghiere, opera in tutti la salvezza

    (tropario della domenica, dedicato a San Giovanni Climaco, 1° Tono)

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    Quinta domenica di quaresima

    Terza domenica di quaresima

    La terza domenica di quaresima – Venerazione della Santa croce

    “…il primo significato della croce è quindi il suo giudizio sul male, o sul falso bene, di cui in questo mondo il male assume sempre più le parvenze, e che assicura al male la sua tremenda vittoria sulla terra.
    Nasce da qui il suo secondo significato.Alla Croce di Cristo segue la nostra, la mia croce di cui Cristo ha detto: “Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo” (Lc 14, 27). Questo significa che la scelta davanti a cui quella notte si trovarono tutti: Pilato, le guardie, i capi, la folla (quella folla che fino a una settimana prima lo aveva osannato) e ciascuna persona di quella folla – ebbene, questa stessa scelta si pone sempre, ogni giorno, davanti a ciascuno di noi….davanti al giudizio dell’amore crocifisso, della giustizia e del bene, è posto ciascuno di noi”.
    (A.Schmeman, “I passi della fede” – Ed. la casi di Matriona; se vuoi acquistare il libro clicca qui))

    Salva, o Signore il Tuo popolo, e benedici la Tua eredità;
    concedi alla Tua Santa Chiesa, la vittoria sui nemici della fede
    e conserva, con la Tua vivificante croce,
    il Tuo popolo nella pace

    (tropario della domenica, 1° Tono)

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    Quinta domenica di quaresima

    Seconda domenica di Quaresima

    La seconda domenica di quaresima – San Gregorio Palamas

    Icona di San Gregorio Palamas

    La seconda domenica di quaresima dell’anno liturgico bizantino commemora la figura di San Gregorio Palamas, grande teologo e padre della Chiesa ortodossa. I suoi approfondimenti spirituali , furono inizialmente aspramente combattuti da alcune componenti del monachesimo occidentale. Più tardi, con i concili di Costantinopoli del XIV secolo, si giunse al pieno riconoscimento della sua dottrina. Per questo motivo, questa seconda domenica di Quaresima si può considerare come una seconda “festa dell’ortodossia”; essa si pone così in continuità con la prima, che come si è detto celebra il trionfo sull’iconoclastia,, il riconoscimento della “vera fede”. (A.Schmeman).
    Le letture di questa domenica sono tratte dal Vangelo di Marco (Mc 2, 1-.12) e dalla lettera agli Ebrei (Eb, 1,10-2,3); esse pongono alla nostra attenzione l’impegno della volontà e del cuore per andare incontro al Signore Gesù, riconoscendolo nostra salvezza…”Gesù, vista la loro fede disse: ‘figliolo ti sono rimessi i tuoi peccati'”… veniamo cosi posti davanti alla misura del nostro desiderio e della nostra perseveranza.
    Il tropario cantato in questa domenica, propone la figura di di San Gregorio  Palamas come esempio di una intelligenza illuminata dalla fede:
    “Luce della vera fede, protettore e dottore della Chiesa;
    ornamento dei santi monaci e sicuro sostegno dei teologi;
    gloria di Tessalonica e araldo della Grazia;
    intercedi per noi presso Dio, o padre Gregorio,
    perchè salvi le nostre anime”  

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    Quaresima: un cammino di Verità e di Grazia

    Quaresima: un cammino di Verità e di Grazia

    Quaresima: il tempo del digiuno, della penitenza e della conversione

    La quaresima nel rito bizantino  

     Nella tradizione liturgica orientale il “Triodion” è quel tempo della durata di circa 10 settimane che precede la Pasqua; questo periodo è costituito dal periodo di “pre-quaresima” (in cui si richiamano diversi temi di preparazione al cammino quaresimale, come l’accoglienza del pentimento umano da parte del Signore Gesù, la misericordia di Dio Padre, il giudizio finale, il perdono reciproco) e dalle cinque settimane di quaresima, dal lunedi successivo alla Domenica del perdono al Venerdi che precede la Domenica delle Palme. In questo tempo quaresimale la celebrazione della Divina Liturgia in rito bizantino viene sospesa, tranne che nei giorni di Sabato, in cui viene celebrata secondo il formulario di San Giovanni Crisostomo, e di Domenica, in cui viene celebrata secondo il formulario di San Basilio. Negli altri giorni il ritmo delle preghiere è dettato dall’ufficio liturgico a cui si aggiunge, nei vespro dei soli giorni di mercoledì e venerdì, la celebrazione della liturgia dei “pre-santificati”, che consente ai fedeli di accostarsi alla comunione col pane e il vino consacrati la domenica precedente.

    CI si potrebbe chiedere il perché di questo “digiuno eucaristico” dei giorni feriali; il significato è rintracciabile in quella pedagogia che vuole sottolineare ai fedeli la distinzione tra la condizione di pellegrinaggio, nei giorni feriali, e la gioia pasquale del sabato e soprattutto della domenica, giorno in cui il digiuno è sospeso, come tappa anticipatrice della grande festa di Pasqua.  La quaresima della tradizione bizantina  offre ai fedeli una ricchezza di preghiere, inni, testi biblici dalla grande bellezza spirituale, che. alimentando la persona nel profondo dell’anima. la conducono in un desiderio di conversione vera del cuore e della vita. Una luce tutta particolare emana, per esempio, dalla preghiera di S.Efrem il Siro, che viene recitata, accompagnandola con prostrazioni e inchini, nella celebrazione dei “pre-santificati”:

    “Signore e Sovrano della mia vita, togli da me lo spirito di ozio, di scoraggiamento, di brama di potere  e di un parlare vano!
    Concedi invece al tuo servo uno spirito di castità, di umiltà, di pazienza e di carità.
    Sì, Signore e Sovrano, dammi di vedere le mie colpe e di non giudicare mio fratello;
    poiché tu sei benedetto nei secoli dei secoli. Amen.”

    Ogni parola di questa preghiera ha un significato tutt’altro che moralistico; Alexandr Šmeman, grande padre spirituale, teologo e pastore di tanti fedeli non solo russi, commenta così: “Ecco la prima cosa: toglimi, tutelami, difendimi, salvami. Da che cosa? Da difetti apparentemente ordinari, da poco. Lo spirito di ozio. Ma quale ozio -diranno i nostri contemporanei- se siamo stressati dal lavoro, se ritmi e tempi della vita non fanno che accelerare, e un po’ di ozio sarebbe esattamente quello di cui abbiamo bisogno! Ma la parola prazdnost’ (ozio) non significa affatto inoperosità e riposo fisico. Prazdnyj (ozioso) significa innanzitutto vacuo, vuoto. Liberami dallo spirito di vacuità. Ed eccoci additata la malattia più tremenda dello spirito umano, la vacuità. Sì, noi lavoriamo, corriamo, ci diamo freneticamente da fare giorno e notte, ma dov’è il senso, l’essenza di tutta questa fretta, frenesia?…così che rientrando in noi stessi, guardando al dono della vita, chiediamo di essere salvati e difesi, liberati dall’origine prima di ogni male, cioè dalla vacuità, dal nonsenso, dalla tremenda devastazione dell’anima in cui tanto spesso viviamo… E infine, nella preghiera di S.Efrem il Siro noi chiediamo una spirito di amore; l’amore è l’accordo finale della preghiera. E’ contemporaneamente sia il motore noscosto della nostra vita, sia il suo scopo. Tutto vive di esso, tutto tende ad esso, e attraverso di esso noi possiamo fare esperienza che Dio è amore”. (Aleksadr Šmeman, “I passi della fede”; R.C. Ed. La Casa di Matriona – 2012)

     

    La meditazione di Mons.Francesco Braschi sulla Quaresima

    La Santa e Grande Quaresima: 
    un cammino di Verità e di Grazia

    Il testo della lezione

    Vivere la Quaresima in questo tempo Non possiamo negare che questo inizio di Quaresima appaia del tutto particolare. Ci incontra in un momento di incertezza, fatica, sofferenza, ma nel quale vediamo risvegliarsi anche la frustrazione, la stizza, la rabbia, la contrapposizione, il complottismo…in altre parole, tutti quegli atteggiamenti che la tradizione dei Padri riconosce come “passioni”, ovvero come orientamenti dell’animo che denunciano una vera “alienazione”, un essere “fuori di sé”. E che, ultimamente, trovano la loro radice nell’intenzione di affermare noi stessi e la nostra volontà come il criterio ultimo di giudizio e di “fruizione” della realtà. Proprio questa situazione, allora, in cui il “normale” prevalere di noi sulle cose (con limiti più o meno accettabili, ma che non contrastano questo orientamento di fondo del nostro animo) viene bruscamente “perturbato”, può diventare un’occasione propizia per rimetterci a guardare noi stessi con un po’ più di verità. ……leggi tutto

    (qui sinistra icona della Lavanda dei piedi; Gesù, “mite e umile di cuore”, lava i piedi agli apostoli)

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    Quinta domenica di quaresima

    Prima domenica di Quaresima

    La prima domenica di quaresima – “Domenica dell’ortodossia”

    La prima domenica di quaresima viene detta  “Domenica dell’ortodossia”, per ricordare come proprio nella prima domenica di Quaresima dell’11 Marzo 843, nel II Concilio di Nicea venne sancita la condanna dell’iconoclastia e il ristabilimento della venerazione delle sante icone. Il tropario domenicale unisce a questa memoria l’aspetto del pentimento tipico del tempo quaresimale: “Veneriamo la Tua icona purissima, chiedendo perdono per le nostre colpe a Te o Cristo Dio, che volontariamente sei salito con il corpo sul legno della croce, per riscattare dal giogo dell’avversario coloro che tu avevi creato. Rendendoti Grazie per questo cantiamo a Te: “hai colmato l’universo di gioia, venendo, Salvatore, a redimere il mondo”.
    Anche il Kondak di questa domenica riprende in termini poetici il tema, fortemente implicato  nell’ “immagine” e “somiglianza” di Dio e richiamando i misteri dell’incarnazione e della maternità della Vergine Maria: “ìl Verbo del Padre incircoscrivibile, con l’incarnazione si circoscrive in Te o Madre di Dio. restaurando l’antica immagine deturpata da peccato, che in Lui ritorna alla divina bellezza. Confessando la salvezza in parole e opere, riacquistiamo la nostra somiglianza con Dio. 

     

     

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio