• Quinta domenica dopo Pasqua

    Quinta domenica dopo Pasqua

    Quinta domenica dopo Pasqua – domenica “del cieco nato”

    clicca qui per vedere il video degli auguri pasquali del coro

    La quinta domenica dopo Pasqua del calendario liturgico bizantino ricorda l’episodio della guarigione del cieco nato da parte di Gesù. Il vangelo di Giovanni (GV, 9, 1-41) evidenzia le diverse “posizioni umane” di fronte a questo fatto, dal riconoscimento umile e semplice del guarito, alla “cecità” dei autorità religiose di fronte alla frealtà. Ma gli spunti sono tantissimi…già all’inizio Gesù corregge i discepoli nella loro assunzione che la condizione del cieco fosse determinata dai peccati commessi da lui o “dai suoi genitori”: “nè lui nè i suoi genitori, ma è perchè in lui si manifestino le opere di Dio”; in questo miracolo, al cieco è chiesta una fiducia totale in Gesù: con il fango sugli occhi è chiamato a percorrere il tratto che lo porta alla fontana di Siloe, per poi tornare guarito.
    Era un giorno di sabato, e da qui comincia la disputa con i farisei e i dottori della legge. 

    L’episodio del cieco nato, che nel calendario della liturgia occidentale è posto in quaresima, nel rito bizantino viene invece posto nel tempo pasquale, a ricordarci  la luce della risurrezione di Cristo e, dunque: questo segno compiuto da Gesù è ricordato come un prodotto pasquale.

    “Qui ci soffermiamo su due bellissimi stichirà che esprimono proprio anche la psicologia, le domande del cieco: «Il cieco nato diceva dentro di sé: “Sono forse nato privo della vista per un peccato dei miei genitori?, o sono forse nato così per significare l’incredulità delle genti? Non sono nemmeno in grado di capire se è notte, o se è giorno; i miei piedi non reggono urtando contro i sassi; non vedo infatti risplendere il sole, né vedo nella sua immagine Colui che mi ha plasmato. Ma io ti prego, o Cristo Dio, rivolgi su di me lo sguardo ed abbi pietà di me”». È bellissima questa insistenza sul tema del vedere: io non riesco a vedere “non vedo risplendere il sole, non so nemmeno se è notte o giorno, ma ti prego, o Cristo Dio, rivolgi su di me lo sguardo”. È lo sguardo che Cristo rivolge a noi che ci permette di vedere.
    “Anche un altro tropario mette bene in luce questo desiderio del cieco: «O Sovrano, e Artefice di tutte le cose, passando per la strada trovasti seduto un cieco che gemeva dicendo: “Mai ho visto nella mia vita brillare il sole, né la luna irradiare il suo splendore. Per questo a te grido! O, Tu, nato dalla Vergine, per illuminare l’universo, illumina anche me nella tua compassione, affinché anche io mi getti ai tuoi piedi, gridando: Cristo, Dio, Sovrano!, donami il perdono delle colpe nell’abbondanza della tua misericordia!”». Anche qua vediamo il punto di contatto: l’illuminazione di tutto il creato diventa il dono della luce a chi non poteva vedere niente. E, dunque, non esiste un’illuminazione separata dalla possibilità di essere illuminati personalmente”.

    (riflessioni di Mons. Francesco Braschi
    trascrizione non rivista dall’autore)

    Icona del cieco nato

     

     

    Gli occhi ottenebrati della mia anima si volgono a Te, o Cristo Dio,
    e come il cieco dalla nascita nel pentimento a Te acclamo:
    “Per coloro che sono nelle tenebre Tu sei splendida luce”
    (Kondak della domenica “del cieco nato”).

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    Quinta domenica dopo Pasqua

    La Pasqua nella Chiesa d’Oriente

    Cristo è risorto.
    La Pasqua e la sua gioia nella Chiesa d’Oriente

    Riflessioni di Mons. Francesco Braschi (Radio Maria, 5 Maggio 2020)
    Ascolta l’audio

    Il tempo pasquale così come viene vissuto nella liturgia bizantina è un tempo colmo di gioia e di luce e vale la pena coglierne la ricchezza, perché ci aiuta a conoscere tanti aspetti della Pasqua che altrimenti rischierebbero di rimanere nascosti.

    Una caratteristica comune al rito bizantino, romano e ambrosiano, è che la settimana dopo Pasqua – in Occidente chiamata Settimana in Albis, in Oriente Settimana del Rinnovamento, o Settimana Luminosa – viene considerata come un unico giorno. Infatti, la Pasqua è una festa talmente grande e ricca da non poter essere pienamente gustata nello spazio di sole ventiquattro ore e da aver bisogno di espandersi per otto giorni. Allora, tanto la Chiesa d’Oriente quanto la Chiesa d’Occidente in questa prima settimana ripetono spesso delle parti dell’ufficiatura pasquale – parti delle Lodi, dei Vesperi, dell’Ora media, delle antifone -, che diventano così tipiche di questa “ Pasqua allargata”.

    In Oriente abbiamo innanzitutto il tropario della Resurrezione, l’antifona pasquale che viene cantata innumerevoli volte dalla sera della Veglia pasquale e per tutto il tempo di Pasqua: «Cristo è risorto dai morti, con la morte calpestando la morte, avendo donato la vita a quelli che erano nei sepolcri»; un’antifona molto breve che però esprime molto densamente tre aspetti fondamentali della Pasqua. Il primo è la risurrezione di Cristo: Cristo è risorto dai morti; il secondo è la vittoria di Cristo sulla morte, che non è solo la vittoria di Cristo sulla propria morte, perché la morte non l’ha mai avuto come preda, dal momento che – come dice sant’Ambrogio – Cristo si è lasciato afferrare dalla morte come un lottatore esperto che finge di cadere a terra per poi rivoltarsi contro l’avversario che pensa ormai di averlo in pugno. La vittoria di Cristo sulla morte è infatti anche una vittoria per noi, sulla nostra morte, perché noi non siamo più preda della morte.

     

    Resurrezione
    Mirofore

    C’è poi il terzo aspetto: «…avendo donato la vita a quelli che erano nei sepolcri». Il riferimento non è soltanto alle anime dei progenitori e dei patriarchi che Cristo va a liberare dall’Ade, né ai morti che si levano dai sepolcri subito dopo la morte di Cristo, come dice il vangelo. La questione è molto più profonda, perché quelli che erano nei sepolcri siamo tutti noi senza la certezza della Pasqua, senza la vittoria di Cristo sulla morte. Qual è, infatti, l’unica vera certezza che ogni uomo, e quindi anche ciascuno di noi, può avere dalla sua vita? Il fatto di dover morire. Ecco perché i morituri, quelli che sono nei sepolcri, quando siamo senza Cristo, siamo tutti noi.

    Dicevamo che nella Chiesa d’Oriente di lingua greca questa viene chiamata Settimana del Rinnovamento, mentre nei paesi di lingua slava viene chiamata la Settimana Luminosa o Splendente. Sono due nomi che ne esprimono bene la caratteristica principale, perché il rinnovamento fa riferimento ai neobattezzati, che hanno ricevuto il Battesimo durante la Veglia pasquale. Sono quindi stati fatti creatura completamente nuova, perché sono stati liberati dai peccati e hanno ricevuto in dono una nuova vita, perché la vita stessa di Cristo è stata comunicata loro nel battesimo.

    Ma il rinnovamento non è soltanto per loro, né soltanto per i cristiani: è un rinnovamento che arriva a toccare tutta la realtà, perché la Pasqua viene riconosciuta come una nuova creazione; cambia il rapporto degli uomini con Dio, il rapporto tra di loro e il rapporto con il creato. Ecco quello che esprime il termine “rinnovamento”. Infatti i Vesperi della Domenica di Pasqua dicono: «Con la tua croce, o Cristo, hai abolito la maledizione dell’albero». Quindi, l’albero della croce di Cristo, “arbor decora et fulgida” (albero bello e luminoso) – come dice uno degli inni latini più belli, il “Vexilla Regis” -, diventa l’opposto dell’albero del peccato di Adamo. Salendo sull’albero della croce, Cristo ha distrutto la maledizione che aveva colpito Adamo per aver voluto appropriarsi dell’albero della conoscenza del bene e del male.

    Quindi «Con la tua croce, o Cristo, hai abolito la maledizione dell’albero, con la tua sepoltura hai annientato il potere della morte», perché appunto Cristo scende nel sepolcro, negli inferi per vincere la morte proprio là dove la morte si crede padrona a casa sua; «Con la tua risurrezione hai illuminato il genere umano»: la risurrezione di Cristo è un altro aspetto di questo rinnovamento che diventa una illuminazione. E il tropario conclude: «Per questo a Te acclamiamo Cristo benefattore, Dio nostro, gloria a Te».

     

    E non è solo rinnovamento, ma anche illuminazione, perché la luce di Cristo risorto illumina ogni cosa, come dice un tropario dei Vesperi: «La tua risurrezione, Cristo salvatore, ha illuminato tutta la terra e Tu hai richiamato a te la creatura da Te plasmata (l’uomo). Signore onnipotente, gloria a Te!»

    Vedete come i temi del rinnovamento e della luce non sono facilmente separabili e sarebbe anche artificioso separarli, perché in realtà convivono continuamente, perché il rinnovamento è un rinnovamento di luce, che permette di vedere tutto sotto uno sguardo nuovo. Chiaramente stiamo parlando di ciò che oggettivamente accade a Pasqua. Rimane infatti tutta l’importanza del nostro accogliere il dono che ci viene fatto, perché nessun dono di Dio è mai automatico, ma chiede sempre la nostra decisione di aderirvi.

    E adesso dobbiamo ricordare un aspetto importante, che potrebbe sembrare ovvio, ma che vale la pena approfondire. Un teologo lo potrebbe chiamare la “concentrazione cristologica” della festa di Pasqua. Più avanti vedremo come il tempo pasquale e soprattutto l’Ascensione mettono in luce il ruolo di tutta la Trinità, ma indubitabilmente nel giorno di Pasqua il protagonista è il Signore Gesù Cristo. E questo viene espresso, potremmo dire, con una gioia quasi infantile che ripete continuamente la parola Pasqua, che diventa una parola dolce, una parola gradita, una parola che riassume in sé tutto un esplodere della gioia. E, appunto, gli stichirà, cioè le antifone di Pasqua, dicono così: «Una Pasqua sacra ci è stata rivelata oggi, Pasqua nuova (naturalmente in riferimento alla pasqua ebraica), santa, una Pasqua mistica (cioè una Pasqua dinanzi alla quale si rimane come ammutoliti per lo stupore e per la grandezza che esprime), Pasqua venerabilissima, Pasqua di Cristo Redentore (Cristo stesso viene identificato con la Pasqua), Pasqua immacolata (perché non è segnata dall’uccisione degli agnelli come era per la pasqua ebraica, ma è Pasqua immacolata, perché l’unico Agnello immolato, Cristo, adesso ritorna ed è ancora vivo, quindi non ha più il sangue, anche se ha ancora i segni della crocifissione), Pasqua grande, Pasqua dei Credenti (ecco questo aspetto importante dell’adesione a quello che avviene), Pasqua che ci ha aperto le porte del Paradiso, Pasqua che santifica tutti i credenti. O soave Pasqua, Pasqua del Signore, Pasqua, una Pasqua venerabilissima (ancora viene ripetuto questo aggettivo) è sorta per noi. Pasqua: abbracciamoci con gioia gli uni gli altri. O Pasqua, riscatto dalla tristezza, perché oggi Cristo dalla tomba, rifulgendo come da un talamo (Cristo come lo sposo che esce esultante dalla stanza nuziale dopo la prima notte delle nozze) ha colmato di gioia le donne dicendo: Portate agli apostoli l’annuncio». Emerge qui un tema che riprenderemo più avanti, il tema delle mirofore, cioè delle donne che portano alla tomba il “miron”, l’unguento profumato per imbalsamare il corpo di Cristo.

    Ma questi tropari continuano ancora con insistenza: «Giorno della risurrezione: irradiamo gioia per questa festa solenne (noi stessi diventiamo luminosi: ma quel è la condizione?, che cosa ci permette di irradiare gioia?), abbracciamoci gli uni gli altri, chiamiamo fratelli anche quelli che ci odiano, tutto perdoniamo per la risurrezione e, poi, acclamiamo: Cristo è risorto dai morti, con la morte calpestando la morte e avendo donato la vita a quelli che erano nei sepolcri». Ecco perché dicevamo che la Pasqua è un’illuminazione e un rinnovamento, perché effettivamente cogliere la Pasqua in tutta la sua portata significa cogliere il cambiamento profondo, il rinnovamento totale che ci viene offerto anche nei rapporti con gli altri, anche nel non poter più odiare nessuno, proprio perché la gioia incontenibile della Pasqua, la vittoria di Cristo sulla morte e sul male non rendono più possibile per chi vuole partecipare di questa vittoria rimanere ancora nella vecchiezza dell’odio, della diffidenza, dell’incapacità di perdonare. Allora, davvero durante tutta la Settimana Luminosa la Pasqua viene innanzitutto annunciata come la possibilità di una novità di vita non solo per Cristo, ma anche per noi.

    La "Settimana Luminosa"

    Il Vespero del lunedì alla fine fonde bene questi due temi fondamentali: «Dalla tua risurrezione, Signore, l’universo è stato illuminato e il Paradiso riaperto (ecco il rinnovamento, ecco l’illuminazione!) e tutta la creazione, acclamandoti, a te ogni giorno offre l’inno». Quindi non è soltanto un rinnovamento degli uomini, ma tutta la creazione può finalmente celebrare l’avvenuta riconciliazione tra la terra e il cielo. E tutto questo non cancella il prezzo della risurrezione, tanto è vero che anche nel tempo pasquale sono frequenti i richiami alla passione e alla croce, come questo che sentiamo sempre nel Vespero del lunedì: «Tu che con la tua passione, o Cristo, hai oscurato il sole (quando Cristo morì ci fu questa eclissi che portò tutto dentro il buio) e con la luce della tua risurrezione hai rischiarato l’universo, accetta il nostro inno della sera, o Tu che sei amico degli uomini». Ormai la sera non fa più paura. La sera della Pasqua nella celebrazione del Vespero solenne si canta l’inno lucernario: «Luce gioiosa della santa gloria del Padre immortale, Cristo Gesù». È un inno che viene letto tutte le volte che si celebra il Vespero, ma la sera del giorno di Pasqua, viene cantato fuori dall’iconostasi, mentre si fa l’ingresso anche con il Vangelo. E questo è come ricordarci che per il cristiano, dopo la Pasqua di Gesù, ogni sera non deve più essere fonte di angoscia, di paura per le tenebre che scendono, ma diventa memoria di quella luce che ha squarciato le tenebre, di quella luce gioiosa – si dice addirittura “ilare”, quasi una luce che ride -, proprio perché ha sconfitto il nemico, ha sconfitto il buio, ha sconfitto le tenebre del peccato.

    Il martedì della Settimana Luminosa leggiamo ancora un altro aspetto: questa luce diventa sorgente di luce anche in noi e diventa il nuovo modo di vedere le cose: «Nella tua luce, Sovrano, vedremo la luce» (è la ripresa del salmo che dice “alla tua luce vediamo la luce”), cioè negli occhi non possiamo più avere nessun’altra luce se non quella della risurrezione: «Nella tua luce, Sovrano, vedremo la luce, o Amico degli uomini, perché sei risorto dai morti, donando al genere umano la salvezza, affinché tutto il creato dia gloria a Te, il solo senza peccato. Abbi pietà di noi!”.

    Ricordate tutti che una delle conseguenze del peccato di Adamo è proprio l’inimicizia che si stabilisce non solo tra l’uomo e Dio e tra l’uomo e la donna, ma anche tra l’uomo e il creato, perché, se all’inizio il creato era un giardino splendido che Dio aveva costruito per donarlo all’uomo, per farne il luogo meraviglioso del suo incontro con l’uomo, ecco che cosa avviene dopo il peccato di Adamo: «Rovi e spine produrrà la terra, con fatica mangerai con il sudore della tua fronte». Infatti, si è rotta l’armonia tra l’uomo e il creato, perché anche la terra è rimasta sconvolta dalla disobbedienza dell’uomo, dal sospetto dell’uomo verso Dio che gli aveva donato questo luogo meraviglioso. La risurrezione ricostituisce anche questa armonia: «Tutto il creato ora può dare gloria a Te, proprio perché tu hai donato al genere umano la salvezza». Con la Pasqua l’uomo è riposto nella possibilità di vincere il sospetto nei confronti di Dio, di abbandonarsi completamente a Lui e questo fa sì che anche il creato possa ridare pienamente gloria a Dio insieme con l’uomo.

    Un altro aspetto molto bello e profondo di questa settimana riguarda la Madre di Dio, la Vergine Maria. Conosciamo tutti le tradizioni popolari, soprattutto occidentali, che celebrano l’incontro di Cristo Risorto con sua Madre: una tradizione antichissima di cui non parlano i Vangeli, ma di cui la Chiesa non ha mai dubitato. Ecco questo ruolo particolare della Vergine anche in riferimento alla risurrezione viene cantato nella Chiesa bizantina con estrema varietà ed abbondanza. Viene così onorata in modo particolare anche la Madre di Dio ed è come se finalmente per Lei si compisse appieno l’invito alla gioia che le era stato rivolto il giorno dell’annunciazione con le prime parole pronunciate dall’angelo: “Rallegrati, o piena di grazia”.

    Ecco: il “Rallegrati”, che segnava il momento dell’incarnazione di Cristo, il momento del concepimento nel grembo della Vergine, solo adesso è come se fosse pienamente compiuto, perché la Vergine, dopo aver assistito allo strazio della passione del Figlio ed aver sofferto profondamente con Lui, ora anche Lei con la risurrezione entra nella gioia senza fine. La liturgia bizantina sottolinea splendidamente questo aspetto con un bellissimo tropario, che viene recitato nella Domenica di Pasqua: «Gioisci, o Vergine pura, lo voglio ripetere, gioisci: è risorto il Figlio tuo dalla tomba al terzo giorno! Illuminati nuova Gerusalemme, la gloria del Signore sopra di te è sorta! Danza ora ed esulta, o Sion!, e tu tripudia, pura Madre di Dio, per la risurrezione del Figlio tuo». Questa danza, questa bellezza, questo identificare Maria con la Gerusalemme nuova, con il Monte di Sion è veramente la pienezza di quella gioia che era già stata riconosciuta ed annunciata all’inizio quando Maria aveva detto il suo sì.

    Ancora un altro aspetto è che la Vergine attraverso la risurrezione del Figlio diventa essa stessa sorgente di vita. C’è un parallelo: come il costato di Cristo aperto dona sangue e acqua e diventa appunto sorgente che lava i peccati, così anche la Vergine con la risurrezione diventa una sorgente di vita (“Zoopighì” in greco bizantino). Questa raffigurazione della Vergine si trova nelle icone, negli affreschi, spessissimo nei monasteri e nella pietà popolare, perché ormai anche Maria è una sorgente di vita inesauribile, in quanto ha dato la vita terrena a Colui che è il Vivente per sempre, a Colui che, morto e risorto, non muore più ma vive in eterno. Questo viene detto con un bellissimo stichiròn nel Giovedì del Rinnovamento: «Gioisci, o Sorgente di vita, che dilaghi un mare di prodigi per tutta la terra. Oceano spirituale, Tu superi il corso del Nilo con l’inondazione della grazia (il Nilo che con le sue piene periodiche dava vita all’Egitto), Tu sei un’altra, una seconda piscina di Siloe (la piscina dove viene ridata la vista al cieco nato) che fa scaturire acqua prodigiosa dalla roccia (ricordo del tempo dell’esodo, quando Mosè nel deserto aveva percosso una roccia con il suo bastone e ne aveva fatto scaturire una sorgente). Tu ricevi energia dal Giordano (il Giordano è il fiume più importante della Palestina, ma è anche il fiume che viene attraversato quando si entra nella terra promessa). Davvero ricca e generosa, Tu diventi efficace manna di salvezza per il bisogno di chi chiede, o Vergine Madre di Cristo, che riversi sul mondo la grande misericordia».

    Con la Pasqua è come se anche la Vergine non solo vedesse compiuto non solo il compito della gioia della sua maternità, ma anche diventasse colei che riversa sul mondo la grande misericordia, perché continua ad indicare suo Figlio, continua a intercedere per noi presso di Lui e a distribuire la gioia di cui lei stessa è stata colmata.

    Della ricchezza di questa Settimana Luminosa abbiamo potuto dire soltanto una piccolissima parte, ma è già sufficiente per rendervi conto di quale profondità e di quale abbondanza di temi può nutrirsi chi legge questi testi e soprattutto chi li celebra. Pensiamo ai monasteri, ma pensiamo anche alle parrocchie, dove si pratica non solo la celebrazione della Divina Liturgia, ma anche dei Vesperi, dell’Òrthros, o mattutino.

    Seconda Domenica di Pasqua

     

    Passiamo ora alla Seconda Domenica di Pasqua, domenica che in Oriente come in Occidente è dominata dalla figura dell’apostolo Tommaso. La dizione completa è “Domenica del Rinnovamento, o del santo apostolo Tommaso che toccò il costato del Signore” ed è dominata dal brano di vangelo tratto dal capitolo 20 di Giovanni. In questa pagina si legge che otto giorni dopo la prima apparizione, avvenuta la sera del giorno di Pasqua nel cenacolo dove i discepoli erano rinchiusi per paura dei giudei, Gesù tornò a mostrarsi a loro entrando a porte chiuse. E, mentre la Domenica di Pasqua Tommaso non c’era e quindi non aveva creduto alla risurrezione, questa volta è presente e Gesù lo rimprovera per la sua incredulità.
    Vediamo ora come la liturgia bizantina rilegge l’episodio: «Otto giorni dopo la tua risurrezione, o Signore, sei apparso ai tuoi discepoli nel luogo dov’erano riuniti e, rivolto a loro, hai detto: “Pace a voi!”, mentre al discepolo incredulo hai mostrato le mani e il petto immacolato. Ed egli convinto a Te gridava: “O mio Signore e mio Dio!, gloria a Te!” Tommaso detto Dìdimo non era con loro quando Tu entrasti, o Cristo, a porte chiuse. Egli perciò non credeva a ciò che gli veniva detto, perché la sua incredulità servisse a consolidare la nostra fede. E Tu non sdegnasti, o Buono, di mostrargli il tuo petto immacolato e le piaghe delle mani e dei piedi. Egli toccò e vide e confessò che tu non sei Dio soltanto, né solo semplice uomo, ma esclamava: O mio Signore e mio Dio, gloria a Te!»

    San Tommaso apostolo

       San Tommaso apostolo

    Sono tre i temi importanti che si possono raccogliere da questo tropario. Innanzitutto, l’incredulità di Tommaso: «Egli non credeva a ciò che gli veniva detto, perché la sua incredulità servisse a consolidare la nostra fede».

    Possiamo dire che ci sono due filoni in questa ufficiatura: uno guarda con molta indulgenza, quasi con gratitudine all’incredulità di Tommaso, perché diventa un aiuto per confermarci nella fede e per ricevere la beatitudine che Gesù dà: «Beati quelli che, pur non avendo visto, crederanno!»

    C’è poi un altro filone, che non ci soffermiamo a considerare questa sera, che, preso quasi da stupore, dice: «Ma com’è, o Tommaso, che hai messo la mano nel costato di Cristo e non è stata bruciata come dal roveto ardente?». È il ricordo del racconto di un vangelo apocrifo a proposito della nascita di Gesù, dove si dice che la levatrice giunge alla grotta, vede che Maria ha già partorito Gesù e sente dire che è rimasta vergine. Lei non crede e vuole controllare e, per aver osato verificare la verginità di Maria, le si inaridisce la mano: sarà guarita soltanto dopo aver chiesto perdono e preso in braccio Gesù Bambino. Ecco, questo ricordo fa dire di Tommaso: «Come? Tu, Tommaso, hai messo la mano nella ferita del costato di Cristo e questo non te l’ha bruciata, non te l’ha inaridita?, tu che hai voluto andare a toccare la sorgente stessa della nostra redenzione». Anche questo stupore però ci conferma che la figura di Tommaso viene guardata con una certa benevolenza, come se l’atmosfera pasquale permettesse di guardare con più bontà e più indulgenza a questo che è comunque un episodio di incredulità.

    Infine, il terzo aspetto è quello della confessione di Tommaso: «O mio Signore e mio Dio!» La liturgia bizantina dice: «Confessò che non sei Dio soltanto, né solo semplice uomo, ma esclamava: Mio Signore e mio Dio!» Ecco, Gesù viene riconosciuto proprio nella sua incarnazione ormai pienamente rivelata, perché è veramente uomo e veramente Dio. Ma questo essere veramente uomo e veramente Dio non è soltanto un concetto teologico, ma è veramente uomo e veramente Dio per essere il mio Signore e il mio Dio. In questo “mio” c’è tutta la possibilità di rapporto, di intimità, di familiarità con Cristo che la sua umanità rende possibili per noi e nello stesso tempo c’è anche tutto il riconoscimento della grandezza, della corrispondenza di Cristo ai desideri più profondi che la sua divinità trasmette al nostro cuore. Ecco perché quel “Mio Signore, e mio Dio sono il sigillo della fede di Tommaso, che confessa di aver trovato in Cristo il punto di arrivo del proprio desiderio, il punto di arrivo del destino di felicità per cui il suo cuore è fatto e che non vuole perdere più.

    Ma in questa domenica ricorrono ancora altri temi. Un altro molto bello ci mostra il ribaltamento che Gesù opera nei discepoli pieni di timore e anche pieni di vergogna per la pessima figuraccia che avevano fatto e anche per la stoltezza da loro mostrata nel momento in cui si erano staccati, avevano tradito e abbandonato proprio quel maestro che con la risurrezione mostrava di essere veramente colui che aveva detto di essere. Ma proviamo ad immedesimarci nel pensiero degli apostoli: i vangeli unanimemente ci dicono che il primo annuncio portato dalle donne non fu accolto da loro con immediatezza, anzi il Vangelo dice che pensarono si trattasse di vaneggiamenti di donne (Lc 24,10-11). Questo aveva una radice profonda proprio nella paura, nel senso di fallimento, ma anche di profonda colpa, perché sapevano molto bene che, se Gesù era davvero risorto, avrebbe avuto tutte le ragioni di punirli, o perlomeno di ripudiarli come amici. Invece Gesù, che la sera stessa di Pasqua li va a trovare in quel cenacolo, chiuso come i loro cuori, dice qualcosa che ricostituisce in loro la pace e la fiducia.

    E questo la liturgia bizantina lo dice molto bene: «A porte chiuse si presentò Gesù ai discepoli, togliendo il timore e dando pace». Ecco, la prima risurrezione che avviene negli apostoli è la risurrezione della fiducia, è la risurrezione dalla colpa, è la risurrezione della misericordia ricevuta e questo diventa il tratto fondamentale delle apparizioni di Cristo.

    Di Tommaso si dice ancora che la sua incredulità ha generato una ferma fede, ribadendo il tema dell’incarnazione che abbiamo ricordato prima e sempre in uno stichiròn del Vespero della Domenica di Tommaso: «O straordinario prodigio!, l’incredulità ha generato ferma fede. Tommaso infatti che aveva detto: “Se non vedo non credo”, dopo aver palpato il costato proclamava la divinità di colui che si era incarnato, il Figlio stesso di Dio. Ha fatto conoscere Colui che nella carne ha patito, ha annunciato il Dio che è risorto e a chiara voce ha gridato: “Mio Signore e mio Dio, gloria a Te!”». Con questa apparizione Cristo vince non solo la paura, ma anche lo scoraggiamento come dice un tropario: «Presentandosi il Salvatore agli amici scoraggiati, dissipò con la sua presenza ogni abbattimento e li indusse a tripudiare per la sua risurrezione.

    E, ancora, quello che riguarda il frutto della Passione viene riferito così: «Attingendo ricchezza dall’inviolabile tesoro (il riferimento è al costato, perché Tommaso lo tocca: toccare il costato significa attingere la ricchezza di un tesoro inviolabile) del tuo divino costato trafitto dalla lancia, Dìdimo (cioè Tommaso) ha riempito il mondo di sapienza e di conoscenza», perché ha proprio rivelato, ridetto, riannunciato la risurrezione di Cristo.

    Terza Domenica di Pasqua

     

    Proseguendo, arriviamo alla terza domenica di Pasqua, la Domenica delle Mirofore e del giusto Giuseppe. In realtà, qui sono ricordati tre personaggi: 1) il gruppo delle donne che vanno al sepolcro la Domenica di Pasqua con gli aromi per imbalsamare e onorare il corpo di Gesù; 2) il giusto Giuseppe, cioè Giuseppe di Arimatea, membro influente del sinedrio, segretamente discepolo di Gesù per timore degli altri, ma che si fa coraggio, va chiedere a Pilato il corpo di Gesù e mette a disposizione il proprio sepolcro, dichiarandosi così suo discepolo e amico; 3) oltre a questi, però, si ricorda anche Nicodemo, perché nel vangelo di Giovanni si dice che Nicodemo portò nardo profumato e mirra per la prima unzione del corpo, fatta subito dopo averlo tolto dalla croce sul Golgota e prima di deporlo nel sepolcro. Quindi, in questa domenica si ricordano le donne e questi due discepoli timorosi che, davanti alla morte di Cristo, finalmente trovano coraggio.

    Dunque è una domenica ancora segnata dalla ripresa del tema della crocifissione, perché tanto le donne con gli unguenti, quanto Nicodemo e Giuseppe di Arimatea hanno a che fare con quello che avviene al momento della deposizione di Gesù, appena prima che venga messo nel sepolcro. Ormai anche questi avvenimenti capitati al momento della crocifissione sono guardati dalla prospettiva pasquale.

    E, infatti, recita così un bellissimo tropario: «Di buon mattino le mirofore (le donne portatrici dei profumi) raggiunsero sollecite il tuo sepolcro cercandoti, o Cristo, per profumare il tuo corpo immacolato ma, ammaestrate dalle parole di un angelo, annunciavano agli apostoli le prove della gioia: “È risorto l’autore della nostra salvezza spogliando la morte e donando al mondo l’eterna vita e la grande misericordia”». E ancora: «Le mirofore, raggiunta la tua tomba, vedendo i sigilli del sepolcro ma non trovando il tuo corpo immacolato, gementi vennero in fretta dicendo: “Chi ha rubato la nostra speranza?, chi ha preso un morto nudo, cosparso di mirra, unico conforto della Madre! Oh ma come è stato messo a morte Colui che dona la vita ai morti e come è stato sepolto Colui che spoglia gli inferi? Risorgi dunque, o Salvatore, per il tuo proprio potere il terzo giorno come hai detto per salvare le anime nostre”».

    Icona

    Icona “delle mirofore”

    È molto interessante che in questo tropario la liturgia aggiunga al lamento delle donne anche il ricordo del preannuncio che Gesù aveva fatto della sua risurrezione. Dunque, è come se le donne, mentre vanno al sepolcro, si rendessero conto dell’impossibilità che Gesù rimanga preda della morte e, quindi, il loro andare al sepolcro è già un invocare, un desiderare la risurrezione.

    Anche riguardo a Giuseppe e a Nicodemo abbiamo uno splendido stichiròn che riprende in termini anche molto affettivi e poetici quello che avviene a loro: «Giuseppe insieme a Nicodemo depose Te dal legno e, contemplandoti morto, nudo, senza una tomba (è il momento dell’estrema umiliazione, dell’estremo abbassamento di Cristo) iniziò il lamento pieno di compassione e dolente diceva: “Ahimè, Gesù dolcissimo, poco prima il sole, vedendoti pendere dalla croce, si ammantava di tenebra; la terra si agitava per il timore; si lacerava il velo del tempio, ma ecco io ora Ti vedo per me volontariamente disceso nella morte. Come potrò seppellirti, Dio mio? Come Ti avvolgerò in una sindone?, con quali mani toccherò il tuo corpo immacolato?, o quali canti potrò mai intonare per il tuo esodo pietoso? Magnifico i tuoi patimenti, inneggio alla tua sepoltura insieme alla tua risurrezione, acclamando: Signore, gloria a Te!”». Quindi, si dice che anche a Giuseppe di Arimatea e a Nicodemo il Cristo morto, deposto dalla croce nelle loro braccia, suscita l’attesa della risurrezione.

    Di seguito, la liturgia – con un gioco di parole in greco e in slavo, intraducibile in italiano – dice che le donne diventano “le annunciatrici degli annunciatori”, annunciano il Vangelo proprio a quelli che dovranno annunciare: «Alle donne che erano con Maria e che, venute con aromi, si chiedevano ansiose come realizzare il loro scopo, apparve la pietra già tolta e un giovane divino che dissipò il turbamento delle anime loro: “È risorto – diceva – Gesù, il Signore. Annunciate ai discepoli, ai suoi annunciatori, di correre in Galilea e lo vedrete risorto dai morti come datore di vita e Signore”». Annunciate ai discepoli annunciatori: ecco perché nella tradizione orientale le mirofore vengono chiamate le “evangelizzatrici degli evangelizzatori”. E questo dice anche l’importanza del loro ruolo per tutta la tradizione della Chiesa d’Oriente.

    Quarta Domenica di Pasqua

    Nella tradizione bizantina la quarta domenica del tempo pasquale è chiamata la Domenica del Paralitico, quello che si trovava presso la piscina di Betesda e che non aveva nessuno che lo potesse salvare perché, quando l’angelo scendeva a muovere le acque e da quel movimento si poteva essere guariti dalle proprie malattie, nessuno che lo faceva scendere nella piscina. Giovanni nel capitolo 5 del suo vangelo racconta che Gesù, vedendolo, gli dice: «Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina! L’uomo fu guarito all’istante» (Gv 5,8-9).

    Questo miracolo non è solo un segno della potenza di Cristo, ma, essendo compiuto di sabato, diventa uno dei motivi che iniziano la crisi tra Gesù e gli scribi e i farisei del tempio: è intollerabile per loro una guarigione di sabato. La liturgia bizantina però non pone l’accento su questo aspetto, ma propone il paralitico come l’immagine di tutti noi prima di accogliere il dono della risurrezione. Infatti, uno degli stichirà dice: «Il paralitico, ridotto a un morto insepolto, vedendoti gridò: “Abbi pietà di me, Signore, perché il letto mi è divenuto tomba. Che mi giova la vita? Non posso servirmi della piscina probatica perché non ho chi mi immerga quando si agitano le acque. Ma io mi rivolgo a Te sorgente delle guarigioni per gridare anch’io insieme a tutti: Onnipotente Signore, gloria a Te!”». È molto forte affermare che il paralitico è come un morto insepolto: un morto insepolto è chi è già morto per il peccato che ha commesso e, quindi, anche se sembra vivo, in realtà è già morto dentro ed è come un cadavere che nessuno ha ancora seppellito. È un’immagine estremamente incisiva. È figura di chi si domanda: a che mi giova la vita, perché mi rendo conto che non posso salvarmi dal peccato e percepisco l’inutilità dei miei sforzi. È questo il miracolo del paralitico: è colui che, pur con tutti i tentativi che faceva non riusciva a buttarsi nell’acqua quando essa avrebbe potuto guarirlo, e riesce ad essere guarito solo grazie all’intervento di Cristo.

    Icona di Gesù che guarisce il paralitico

    Icona “del paralitico”

    E ancora, qui emerge il tema della parola che salva: la parola di Cristo è la sola che salva. Infatti, a differenza della guarigione del cieco, qui Gesù guarisce il paralitico con la parola “Prendi il tuo lettuccio”. E la liturgia canta così questa parola: «La sola parola rese salvo il paralitico, quando risuonò la parola universale di Colui che per noi è apparso sulla terra nel suo compassionevole amore». Cioè, la parola di Cristo è per tutti, è universale e ci identifica tutti con il paralitico che può essere guarito, come si dice in un tropario: «Come risollevasti il paralitico, o Cristo, così risana la mia anima paralizzata dai peccati e guidami felicemente a camminare per i tuoi retti sentieri». Ecco che il paralitico diventa nostro fratello, anzi nostro esempio!

    E anche l’ultimo aspetto che cogliamo è molto importante. Al paralitico, che dice: “Non ho un uomo che mi butti nella piscina”, Cristo risponde: «Presso la piscina probatica giaceva un uomo infermo. Come ti vide, o Signore, prese a gridare: “Non ho un uomo che mi metta nell’acqua quando essa viene agitata. Mentre io vado, un altro mi precede e ottiene la guarigione, mentre io resto qua ammalato”. E il Salvatore, subito mosso a compassione, gli dice: “Per te sono divenuto uomo, per te mi sono rivestito di carne! Tu dici “Non ho un uomo?”, prendi il tuo lettuccio e cammina!”» E il commento: «Tutto a Te è possibile, tutto Ti ubbidisce, tutto Ti è sottomesso. Ricordati di noi tutti e abbi pietà, o Santo, nel tuo amore per l’uomo».

    Ecco, non possiamo più dire: non ho un uomo, non ho nessuno che pensi a me, non ho nessuno che mi guardi, che mi aiuti a guarire. No! Cristo è risorto e, dunque, c’è sempre quest’Uomo che è anche Dio e che è pienamente umano nel farsi accanto a noi. Sant’Ambrogio diceva: «Quando tu cadi, Cristo è sempre accanto a te e, se glielo permetti, egli ti vuole aiutare a rialzarti».

    Dunque, nessuno di noi può essere più veramente solo, proprio perché con l’«Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo» (Mt 28, 20) che conclude il vangelo di Matteo, si compie la promessa con cui il vangelo di Matteo si era aperto: «Sarà chiamato Emmanuele, Dio con noi!» (Mt 1, 23) Veramente Cristo risorto nella sua umano-divinità è il Dio con noi.

     

    "Mesopentecoste"

    Dopo la Domenica del Paralitico, c’è la particolare festa di Mezzapentecoste, che cade il mercoledì della quarta settimana di Pasqua, giorno posto esattamente a metà tra la Pasqua e la Pentecoste. Vale la pena ricordare che qualche anno fa anche la Chiesa ambrosiana, riprendendo un’antichissima tradizione, ha ripristinato la festa di Mezzapentecoste.

    Questa particolare festa è collegata al brano del vangelo di Giovanni dove Cristo parla di sé come di quello di cui si disse: «Chi ha sete venga a me e beva chi crede in me; come dice la Scrittura: fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno». Questa proclamazione che Gesù fa di sé, come di colui a cui deve recarsi chi ha sete, diventa ancora il punto che congiunge con l’annuncio del dono dello Spirito, come spiega il Vangelo: «Questo egli disse riferendosi allo Spirito che avrebbero ricevuto i credenti in lui: infatti non c’era ancora lo Spirito, perché Gesù non era stato ancora glorificato» (Gv 7, 37-39).

    Quindi il mercoledì della Mezzapentecoste diventa come il preannuncio, la prefigurazione del dono dello Spirito. Infatti, tutta l’ufficiatura è legata al termine “mezzo”: Gesù sta in mezzo al tempio e proclama il dono dello Spirito; ma Cristo è anche nel “mezzo” per congiungere tutte le cose. E dice così: «Stando nel mezzo del tempio a metà della festa con voce ispirata gridavi: “Chi ha sete venga a Me e beva, perché chi beve alla mia divina sorgente farà sgorgare dal suo seno i fiumi delle mie dottrine. Chi crede in Me, inviato dal divino Genitore, con Me sarà glorificato”. Per questo a Te acclamiamo: Gloria a Te, Cristo Dio!, perché hai copiosamente riversato sui tuoi servi i flutti del tuo amore per gli uomini». Ecco questa abbondanza di amore, questa abbondanza di misericordia!

    E ancora dice: «Tu che possiedi la medietà, il mezzo e il fine di tutte le cose e, essendo senza principio, tieni in pugno il principio di tutte le cose, ti sei posto nel mezzo gridando: “Voi che siete di divino sentire venite e gustate i doni divini”». Cristo sta nel mezzo per congiungere l’umanità e Dio, ma sta anche nel mezzo come nel centro, cioè è il punto di convergenza da cui traggono significato tutte le cose.

    Quinta Domenica di Pasqua

     

    Proseguendo, la quinta domenica di Pasqua nel rito bizantino è la Domenica della Samaritana. Questa ricorrenza ci potrebbe stupire, perché nel rito latino, tanto ambrosiano quanto romano, è eminentemente quaresimale la figura di colei che riconosce di avere bisogno dell’acqua, che è l’acqua del battesimo. Nel rito bizantino al tema dell’acqua si affianca un tema che mette in evidenza l’aspetto della rigenerazione, della ricapitolazione, del rimediare al peccato che c’era prima. Infatti, uno stichiròn richiama un legame diretto tra la samaritana ed Eva: «Sei venuto alla fonte all’ora sesta (è mezzogiorno, un’ora in cui non si andava a prendere l’acqua, ma la samaritana vi andava proprio per non mescolarsi o incontrare le altre donne del villaggio), o Cristo, fonte di prodigi, per ridare vita a un frutto di Eva. A quell’ora infatti Eva era uscita dal Paradiso per l’inganno del serpente (secondo una tradizione apocrifa, infatti, l’ora sesta è anche l’ora della tentazione di Eva, l’ora del peccato originale. Quindi, Cristo, si siede accanto al pozzo proprio quell’ora perché una figlia di Eva possa ritrovare in Lui la salvezza). Venne dunque la samaritana ad attingere acqua. Vedendola, Gesù, il Salvatore, le disse: “Dammi acqua da bere e io ti riempirò di acqua zampillante”. Allora questa donna di senno corse in città e subito diede l’annuncio alla gente: “Venire a vedere il Cristo Signore, il Salvatore delle anime nostre”». E ancora: «Venne il Signore al pozzo e la samaritana chiedeva al Compassionevole: concedimi l’acqua della fede e riceverò i flutti della fonte, esultanza e redenzione. O Signore, datore di vita, gloria a Te!»

    E qui si esprime proprio la mendicanza di Cristo: Cristo diventa mendicante di un po’ d’acqua per il desiderio di sottrarre al demonio una sua preda. Infatti, dice così: «Presso il pozzo di Giacobbe, Gesù trovò la samaritana e chiese a lei un po’ d’acqua, Lui che copre di nubi la terra. O prodigio! Colui che è portato dai Cherubini, parla con una donna peccatrice! Chiede dell’acqua Colui che ha sospeso la terra sulle acque. Questo fa per attrarre colei che era divenuta preda dell’ostile avversario e far bere un’acqua di vita a colei che paurosamente bruciava per le sue azioni indegne, perché Egli solo è compassionevole e amico degli uomini».

    [Incontro tra Gesù a la samaritana - Duomo di Monreale Incontro tra Gesù e la samaritana – Duomo di Monreale

     

    Sesta Domenica di Pasqua

    Nel rito bizantino la sesta domenica del tempo pasquale è la Domenica del Cieco nato, un’altra figura che la liturgia latina colloca normalmente nel tempo di Quaresima, perché sottolinea che l’illuminazione battesimale sarà data ai catecumeni nella Pasqua. Nel rito bizantino, invece, il cieco nato ci ricorda chi siamo senza la luce della risurrezione di Cristo e, dunque, questo segno compiuto da Gesù è ricordato dopo la Pasqua come un prodotto pasquale.

    Qui ci soffermiamo su due bellissimi stichirà che esprimono proprio anche la psicologia, le domande del cieco: «Il cieco nato diceva dentro di sé: “Sono forse nato privo della vista per un peccato dei miei genitori?, o sono forse nato così per significare l’incredulità delle genti? Non sono nemmeno in grado di capire se è notte, o se è giorno; i miei piedi non reggono urtando contro i sassi; non vedo infatti risplendere il sole, né vedo nella sua immagine Colui che mi ha plasmato. Ma io ti prego, o Cristo Dio, rivolgi su di me lo sguardo ed abbi pietà di me”». È bellissima questa insistenza sul tema del vedere: io non riesco a vedere “non vedo risplendere il sole, non so nemmeno se è notte o giorno, ma ti prego, o Cristo Dio, rivolgi su di me lo sguardo”. È lo sguardo che Cristo rivolge a noi che ci permette di vedere.

    Anche un altro tropario mette bene in luce questo desiderio del cieco: «O Sovrano, e Artefice di tutte le cose, passando per la strada trovasti seduto un cieco che gemeva dicendo: “Mai ho visto nella mia vita brillare il sole, né la luna irradiare il suo splendore. Per questo a te grido! O, Tu, nato dalla Vergine, per illuminare l’universo, illumina anche me nella tua compassione, affinché anche io mi getti ai tuoi piedi, gridando: Cristo, Dio, Sovrano!, donami il perdono delle colpe nell’abbondanza della tua misericordia!”». Anche qua vediamo il punto di contatto: l’illuminazione di tutto il creato diventa il dono della luce a chi non poteva vedere niente. E, dunque, non esiste un’illuminazione separata dalla possibilità di essere illuminati personalmente.

    Ascensione

     

    Il giovedì di questa sesta settimana cade la festa dell’Ascensione con la quale terminiamo questa sera, che viene spiegata così nel primo stichiròn dei primi Vesperi: «Il Signore è asceso ai cieli per mandare il Paraclito nel mondo. I cieli hanno preparato il suo trono, le nubi il carro su cui salire; stupiscono gli angeli vedendo un uomo al di sopra di loro. Il Padre riceve Colui che dall’eternità nel suo seno dimora. Lo Spirito Santo ordina a tutti i suoi angeli: Alzate, principi, le vostre porte. Genti tutte, battete le mani, perché Cristo è salito dove era prima». Qui vediamo innanzitutto la presenza di tutta la Trinità: «Il Padre riceve Colui che dall’eternità nel suo seno dimora; lo Spirito Santo ordina a tutti gli angeli: Alzate, principi, le vostre porte…”. Poi lo Spirito Santo è Colui che verrà mandato nel mondo dopo l’ascensione di Cristo al cielo. Va sottolineato anche un altro aspetto importante: con l’ascensione al cielo di Cristo, alla destra del Padre ora siede anche l’umana natura, perché Cristo rimane Dio e uomo, come spiega molto bene un altro stichiròn: «Tu che, senza separarti dal seno paterno, o dolcissimo Gesù, hai vissuto sulla terra come uomo, oggi dal Monte degli Ulivi sei asceso nella gloria: e risollevando, compassionevole, la nostra natura caduta, l’hai fatta sedere con te accanto al Padre».

    Ecco, la nostra natura umana adesso siede accanto al Padre nell’umanità di Cristo, primizia del posto dove anche noi siamo destinati ad andare. Poi dice: «Per questo le celesti schiere degli angeli, sbigottite per il prodigio stupivano e prese da timore, magnificavano il tuo amore per gli uomini». È proprio l’amore di Dio per gli uomini a far sì che Dio voglia la presenza dell’umanità di Cristo nel seno della Trinità e questo dice tutta la nostra dignità.       

    Icona dell'Ascensionedi Dio

    IIcona dell’Ascensione

    Concludiamo con un tratto tipico della tradizione bizantina che all’ascensione vuole anche la presenza della Madonna al Monte degli Ulivi: «O Signore, compiuto nella tua bontà il mistero nascosto da secoli e generazioni, sei andato con i tuoi discepoli al Monte degli Ulivi insieme a Colei che ha partorito Te, creatore e artefice dell’universo. Bisognava infatti che godesse di immensa gioia per la glorificazione della tua carne colei che come madre più di tutti aveva sofferto nella tua passione. E anche noi, Sovrana, partecipi di questa gioia per la tua salita ai cieli glorifichiamo la grande misericordia che hai usato con noi». È un tratto molto bello, anche teologicamente molto ricco, perché che cos’è l’ascensione al cielo se non la perfezione, il compimento della carne umana di Cristo che viene definitivamente assunta nella Trinità rimanendo appunto umanità? In questo senso possiamo dire che era giusto che colei che è stata all’inizio dell’incarnazione ne vedesse anche il compimento. Da qui questo tratto così dolce, così affettuoso della Chiesa d’Oriente che vede la Vergine anch’essa presente al momento dell’ascensione.

     

    Ci fermiamo qua. Come avete visto nei contenuti delle varie “schede” i temi sono molti, ma mi sembra che possiamo cogliere in sintesi proprio questa estrema ricchezza del tempo pasquale, che da un lato ci mostra tutta la potenza della risurrezione, la possibilità del rinnovamento, dell’illuminazione e dall’altra però ci ricorda che, se non c’è un’adesione volontaria, una determinazione della nostra libertà, noi restiamo paralitici, increduli come Tommaso, ciechi come il cieco nato, peccatori come la samaritana, restiamo come quelli che non si vogliono lasciar toccare dalla Pasqua di Cristo.

    (trascrizione a cura di Pierangelo Melgara – testo tratto dagli appunti della registrazione e non rivisto dall’Autore)

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    Quinta domenica dopo Pasqua

    Quarta domenica dopo Pasqua

    Quarta domenica dopo Pasqua – domenica “della samaritana”

    clicca qui per vedere il video degli auguri pasquali del coro

    La  quarta domenica dopo Pasqua del calendario liturgico bizantino ricorda l’incontro tra Gesù e una donna samaritana. Il dialogo, riportato al capitolo 4 del Vangelo di San Giovanni, mette in evidenza una intensità tutta particolare…ogni domanda della donna, mai banale, trova nella risposta di Gesù un approfondimento, una lettura  che provoca a una domanda successiva, in un crescendo drammatico che la samaritana cerca di scansare ma da cui alla fine, viene vinta: “venite a vedere uno che mi ha detto tutto quello che ho fatto”.

     

    Questo Vangelo, che nella liturgia della Chiesa occidentale viene letto in Quaresima, ci mostra un Gesù che si sta avvicinando al culmine della sua missione, che porta le domande a un punto di verità capace di vincere ogni tentativo di riduzione:
    – “se tu conoscessi, il dono di Dio e che ti chiede dammi da bere, tu stessa lo pregheresti e lui ti darebbe acqua viva”
    – “chiunque beve di quest’acqua avrà ancora sete ma chi beve dell’acqua che io gli darò non avrà più sete in eterno”
    Quando poi la donna scopre che Gesù conosce bene la storia della sua vita, tenta di trattare la cosa spostando l’attenzione “vedo che tu sei un profeta” (come dire sei un esperto di cose religiose)  riproponendo l’antico dilemma (sempre in essere tra Giudei e Samaritani) sul luogo in cui occorra adorare; ma Gesù ancora una volta va alla radice della domanda:
    – “credimi, donna, è giunto il momento in cui i veri adoratori adorino Dio in spirito e verità”
    Ogni tentativo di ridurre la domanda è vinto, a questo punto la domanda vera, essenziale e la definitiva rivelazione di Gesù: “so che deve venire il Messia; quando verrà ci annunzierà ogni cosa”; “Sono Io, che parlo con Te”.
    Gesù manifesta il Suo amore per ciascuno di noi proprio nel fatto di condurci fino alla domanda in cui Lui ci possa dire “sono Io colui che tu cerchi”
    A questo punto la samaritana diventa testimone, annunciatrice di un incontro che le ha rivelato il Messia. E la gente la seguì fino a Gesù.

    Incontro tra Gesù a la samaritana - Duomo di Monreale

    Un richiamo significativo di questo episodio in riferimento al tempo di Pasqua è senza dubbio l’affermazione di Gesù sull’adorare Dio  “in spirito e verità”: non cioè attraverso norme, leggi o prescrizioni, ma trasformando la propria vita in un unico slancio di amore e di libertà, di gioia e di ispirazione. Senza Spirito e Verità l’uomo non può vivere, la loro forza e più forte di ogni altra cosa al mondo.
    (A. Schemann, “i passi della fede”, Ed. “La casa di Matriona” – per acquistare il libro clicca qui)

    Venuta al pozzo con fede, la Samaritana riconobbe in Te la fonte della Sapienza; dissetandosene copiosamente ereditò il Regno dei Cieli. Per questo sarà sempre Glorificata.
    (Kondak della domenica “della samaritana”)

     

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    Quinta domenica dopo Pasqua

    Terza domenica dopo Pasqua

    Terza domenica dopo Pasqua – domenica “del paralitico”

    clicca qui per vedere il video degli auguri pasquali del coro

    La terza domenica dopo Pasqua nel calendario liturgico bizantino viene ricordato il miracolo con cui Gesù guarì il paralitico che si trovava presso la piscina detta Betzatà. Un povero malato che dal suo lettuccio implorava inutilmente di poter essere immerso nella piscina nei momenti in cui le acque, agitate dalla presenza di un angelo, diventavano miracolose. Nessuno si curava di lui.

     

     

    A questo uomo, Gesù viene immediatamente in soccorso, in giorno di sabato, e lo guarisce all’istante. La condizione del paralitico (per cui il letto era diventato una tomba) è quella di  “un morto insepolto”, uno al quale la vita risulta un non-senso. Solo  l’intervento di Gesù lo guarisce; la sua parola (“prendi il tuo lettuccio”) lo restituisce alla vita. La liturgia coglie in questa figura la condizione umana in cui siamo tutti a causa dei nostri peccati.

    A questo grido “non c’è nessun uomo che mi possa salvare” Gesù risorto dice “io sono morto e risorto per te; e tu dici “non ho nessuno?”.
    Con la sua morte e risurrezione non siamo mai più soli, la nostra condizione di solitudine è vinta per sempre.

    L’altro aspetto che ci viene ricordato è il richiamo di Gesù: “non peccare più, perchè non ti abbia ad accadere qualcosa di peggio”. E’ uno squarcio sulla malattia che viene determinata in noi dal peccato, una paralisi dell’anima da cui la mendicanza a Lui, la mendicanza di Lui ci guarisce.

     

    Di questo è poetica espressione il tropario della domenica:

    Icona di Gesù che guarisce il paralitico

    O Signore alla mia anima, paralizzata dai miei peccati e dalle mie trasgressioni, accorda, come al paralitico, la guarigione nella tua divina provvidenza, affinchè, liberato, io possa cantare, o Salvatore: “Misericordioso, gloria alla Tua potenza o Cristo”

     

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    Quinta domenica dopo Pasqua

    Seconda domenica dopo Pasqua

    Seconda domenica dopo Pasqua – domenica “delle mirofore”

    clicca qui per vedere il video degli auguri pasquali del coro

    La seconda domenica dopo Pasqua nel calendario liturgico bizantino vengono ricordate le mirofore, cioè le “portatrici di unguento” (in slavo mironosicy), che all’alba di Pasqua si recarono al sepolcro di Gesù per completare le cure funebri con unguenti aromatici.

    La tradizione liturgica ricorda anche altri due personaggi ricorda anche “giusto Giuseppe” (Giuseppe di Arimatea, che offrì il sepolcro per la sepoltura di Gesù) e Nicodemo (che nel sinedrio aveva cercato di salvare Gesù e che ne divenne poi); entrambi dopo la morte e risurrezione di Gesù, ne divennero discepoli. 

     

    Queste donne furono di fatto le prime testimoni della risurrezione. Gli evangelisti nominano di esse Maria Maddalena e l’altra Maria, la madre di Giacomo; san Luca aggiunge Giovanna e altre non nominate.

    A queste persone, a queste donne, Cristo non aveva svelato, come aveva fatto con i dodici apostoli che si era scelto, i misteri del futuro; esse non conoscevano né il senso della morte, né i misteri della futura vittoria, della futura risurrezione. Rimasero ai piedi della croce e non abbandonarono il suo corpo… e questo, solo perché amavano Gesù. Ed è stato  proprio questo amore a venire a sapere per primo della vittoria; a questo amore, a questa fedeltà, per primi viene concesso di sapere che la morte è inghiottita dalla vittoria.

    E’ questo il senso dell’episodio delle mirofore al sepolcro: questo amore e questa fedeltà sono e saranno sempre la luce che risplende nell’oscurità senza fondo.

    (tratto da A.Schmemann, “I passi della fede” – ed. La casa di Matriona – per acquistare il libro clicca qui)

    Nella celebrazione della Divina Liturgia del tempo ordinario  i tropari domenicali (che compongono il ciclo degli 8 toni) pongono sempre all’attenzione dei fedeli il tema della Risurrezione; ecco quindi che anche la memoria dell’amore fedele delle mirofore ci viene richiamato in particolare in uno di questi inni, il tropario domenicale del IV tono.

    Ricevendo il lieto annuncio della risurrezione dall’angelo, le discepole del Signore ripudiarono la condanna dei progenitori ed esultando dicevano agli apostoli: “la morte è stata spogliata e Cristo Dio è risorto, donando la mondo la Sua grande misericordia”

    Mirofore

    Ordinando alle “mirofore” di rallegrarsi hai fatto cessare le lacrime della nostra progenitrice Eva con la Tua resurrezione, o Cristo Dio; hai ordinato ai Tuoi  Apostoli di proclamare: “il Salvatore è risorto dalla tomba!”.

    (dalla Divina Liturgia della seconda domenica dopo Pasqua – Kondak “delle nirofore”)

    LA NUOVA EUROPA

    Il portale di informazione indipendente della nostra associazione
    Vai al sitoVai al negozio
    error: Alert: Contenuto protetto...